Diario dal Parlamento 12 marzo

LAVORO AUTONOMO

Approvato, in prima lettura, il disegno di legge sul lavoro autonomo. Il provvedimento ha come obiettivo quello di garantire maggiori tutele e diritti a circa 2 milioni di italiani che lavorano in proprio. Viene esteso il diritto alla maternità, reso più flessibile ed esigibile, ampliato il congedo parentale. Malattia, infortunio e gravidanza non potranno d’ora in poi più portare ad estinguere i contratti. Viene infine garantita per sempre la dis-coll, l’indennità di disoccupazione a tutti i collaboratori, che viene allargata anche ai precari della ricerca. Lo speciale

PROTEZIONE CIVILE

Via libera definitivo alla legge delega per il riordino del sistema nazionale di Protezione civile. Il provvedimento intende rendere più certo ed omogeneo il quadro normativo di riferimento per la gestione delle emergenze. Le procedure di intervento, sia nella fase immediata, che in quelle di prevenzione del rischio e di ripresa delle normali condizioni di vita, potranno così essere più semplici, certe e rapide. Lo speciale:

TESTIMONI DI GIUSTIZIA

Con voto unanime la Camera ha dato il via libera alla proposta di legge per rafforzare le tutele favore a dei testimoni di giustizia. La maggiore protezione offerta a queste figure, centrali per il funzionamento dei processi, passa attraverso un inquadramento più preciso delle loro dichiarazioni e una valutazione stringente dei pericoli a cui sono esposti. Le protezioni accordate sono estesi anche ai conviventi. Lo speciale

RISCHIO CLINICO

Via libera definitivo alla legge sulla sicurezza delle cure e rischio clinico, che tutela l’esercizio della professione degli operatori sanitari e al contempo garantisce il diritto dei cittadini a ricevere prestazioni e servizi in condizioni di sicurezza. Con l’introduzione del Garante per il diritto alla salute sarà più semplice per i cittadini segnalare malfunzionamenti. Sono rese obbligatorie le strutture di prevenzione dei rischi (risk management) in ogni ospedale e azienda sanitaria. Più facile, infine, ottenere un risarcimento in tempi rapidi e certi. Lo speciale

(letto 180 volte)

Comments are closed.