Diario dal Parlamento 9 maggio

Diario dal Parlamento

COMMISSIONE SCIERI

Giovedì si è svolta l’audizione della Ministra della Difesa Roberta Pinotti che ha dimostrato grande sensibilità ed ha lanciato un messaggio chiaro e forte sottolineando come la morte di Scieri sia ancora una ferita aperta per lo stato e per i familiari e ribadendo la necessità di accertare la verità di questa terribile vicenda. La Ministra ha garantito la totale collaborazione del Ministero della Difesa per le attività della Commissione che presiedo. La ricerca della verità va anche a tutelare le forze armate perché le generalizzazioni non servono alle indagini. Lo scopo di questa commissione non è accusare l’esercito ma ripristinare la fiducia tra Stato e cittadini. Da parte mia ho chiesto alla Ministra di agevolare nei tempi più brevi l’accesso agli atti sensibili ed ai registri della Caserma Gamerra: in particolare i verbali delle ispezioni del 15 agosto 1999 alle 5.30 del mattino e alle 21:30 della sera; capire chi era in servizio di casermaggio il 13 agosto dato che il corpo di Emanuele è stato trovato da quattro parà addetti al casermaggio il 16 agosto. Sono tante le domande che possono trovare una risposta dai documenti militari: chi, durante il contrappello del 13 agosto a cui Sceri non si presenta, utilizza il cellulare del Generale Celentano per chiamare lo stesso Generale nella sua casa di Livorno? Chi sono i due militari che oltre a Scieri non risultano essere rientrati in caserma? Chi pattugliava la sera del 13 agosto 1999 la zona della caserma vicino alla torretta in cui è stato scoperto il cadavere? Confido che la volontà della Ministra Pinotti di lasciare aperte tutte le porte di questa vicenda possa essere di grande aiuto alle nostre indagini e che il lavoro di questa commissione possa scacciare omertà e  menzogne e quel senso di sfiducia verso le istituzioni e verso lo stato. http://webtv.camera.it/evento/9406

STANZIAMENTI CIPE

Grande soddisfazione per la recente decisione del Cipe di stanziare 1 miliardo per la cultura e 2,5 miliardi per la ricerca. Dopo anni di tagli tornano gli investimenti in questi importanti settori. Con questi fondi potranno essere completati gli interventi in fase di esecuzione e si potranno valorizzare tanti monumenti e siti da Nord a Sud Italia. Qui il testo del Question Time

MATERNITA’ SURROGATA

L’Aula ha approvato una mozione del Partito Democratico che impegna il governo ad avviare un confronto sulla base della risoluzione del Parlamento europeo che condanna la pratica della maternità surrogata e ad attivarsi nelle forme e nelle sedi opportune, per il pieno rispetto delle convenzioni internazionali per la protezione dei diritti umani e del bambino; a promuovere a livello nazionale e internazionale, iniziative che conducano al riconoscimento del diritto dei bambini alla identità personale e alla loro tutela, indipendentemente dalla modalità in cui sono venuti al mondo; ad attivarsi per completare il recepimento della Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica. Qui il testo della mozione

INFORMATIVA SULLA 194

In occasione dell’informativa del ministro della Sanità sull’attuazione della legge 194 in materia di interruzione volontaria di gravidanza dopo la recente pronuncia del Consiglio d’Europa, abbiamo ribadito la necessità di favorire azioni rapide per assicurare il corretto e agevole accesso all’ivg presso tutte le strutture pubbliche. L’intervento di Michela Campana

CULTURA

È stata approvata dalla commissione Cultura in sede legislativa la legge che equipara ai beni materiali i beni immateriali riconosciuti dall’Unesco come patrimonio dell’umanità. La proposta di legge riguarda finora i sei elementi del patrimonio culturale immateriale italiano riconosciuti dall’UNESCO (l’opera dei pupi siciliani, il canto a tenore sardo, l’arte dei liutai di Cremona, la dieta mediterranea, le macchine a spalla, la coltivazione della vite ad alberello a Pantelleria) e prevede che il fondo del MIBACT dedicato ai beni UNESCO che ammonta a 1,3 milioni per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018, sia integrato per il 2016 con 800.000 euro destinati proprio al patrimonio immateriale, per favorire progetti di tutela e valorizzazione in sinergia con tutti gli attori coinvolti, dagli enti locali al mondo dell’associazionismo.

(letto 655 volte)

Comments are closed.