Rimborsi e Rimbrotti

Non mi stupisce, non mi stupisce affatto che all’interno di un gruppo eterogeneo di persone, ce ne siano alcune scorrette: avviene nei partiti, nelle famiglie, nella Chiesa, avviene ovunque. La cosa più triste non è tanto il mancato bonifico, quanto la speculazione che su quel bonifico veniva fatta. Credo che non ci sia niente di più meschino di chi, da un piedistallo, impartisca lezioni di morale, sapendo di mentire a se stesso e agli altri. È questo l’aspetto che non mi piace del Movimento 5 stelle: la doppia morale, la strategia dei due pesi e delle due misure che condanna e assolve lo stesso gesto in funzione di chi lo commette… i loro impresentabili sono migliori di quelli degli altri, i loro indagati sono innocenti e quelli degli altri colpevoli. Hanno fomentato per anni l’insofferenza della gente, denigrato le istituzioni dipingendo tutti come farabutti, gridato al complotto e alla mala politica, anche quando questa politica, ha tirato fuori l’Italia da una crisi internazionale, ha ricominciato a rimettere in moto l’economia, ha approvato leggi importanti e ha fatto di tutto per svolgere al meglio il suo compito. Abbiamo già dimenticato in che situazione si trovava l’Italia dopo l’ultimo Governo Berlusconi? Era sull’orlo del baratro. Adesso gli indici economici ci dicono il contrario. È tutto a posto? Certo che no, c’è ancora tanto lavoro da fare, tanti investimenti e riforme di sistema da portare avanti. Onestà intellettuale è riconoscere impegno e risultati degli avversari.

Girando la provincia per i miei incontri, si avvicinava sempre qualcuno che mi diceva: “sono contento che lei viene qui guidando la sua macchina ed ha rinunciato all’auto blu”. Ma quale auto blu? Ogni volta dovevo spiegare che nessun deputato ha l’auto blu. Mi rispondevano: “ma come… mia nipote che è grillina dice che ce l’avete tutti e che solo loro si sono tagliati il privilegio”. Ma quando mai.

Ultima cosa: il PD ha abolito il finanziamento pubblico ai partiti. I partiti però devono continuare a svolgere il ruolo che gli assegna la nostra costituzione, perché essi sono e devono rimanere elemento irrinunciabile e baluardo del nostro sistema democratico: per questo ogni mese ho versato 1500 euro al Partito Democratico nazionale e contributi al partito regionale. Allo stesso tempo, ho pagato l’affitto e le spese di un contenitore culturale e sociale, il centro Pio La Torre di Siracusa, che per 5 anni è stato sede, luogo d’incontro e dibattito per decine di associazioni locali, movimenti politici, gruppi di giovani e di anziani.

Non ho mai tenuto conto di quanto abbia “restituito” in questi 5 anni, invece, ciò di cui ho tenuto conto, sono le centinaia di leggi e di provvedimenti che ho votato e che hanno dato speranza a tante persone e fornito la possibilità di risollevarsi e ricominciare. Provvedimenti come le Unioni Civili; la legge sul Dopo di Noi che garantisce un futuro ai disabili che rimangono senza genitori; la legge contro le dimissioni in bianco; l’autoriciclaggio e i provvedimenti in materia di Giustizia, Ambiente, Agricoltura e Lavoro; il Decreto Mezzogiorno, che stanzia ingenti fondi e garantisce agevolazioni e sgravi ai giovani che vogliono scommettere sul rilancio di questa terra.

Sono solo la minima parte dei provvedimenti di cui vado fiera e che hanno ricevuto inspiegabilmente, il voto contrario da parte del Movimento 5 Stelle.

Le idee camminano sulle nostre gambe, il 4 marzo, non dimentichiamolo.

(letto 169 volte)

Tagged with 

Comments are closed.